sabato 15 novembre 2014

TI PREGO LASCIATI ODIARE - di Anna Premoli

Trama: Jennifer e Ian si conoscono da sette anni e gli ultimi cinque li hanno passati a farsi la guerra all'interno della banca d'affari londinese nella quale dirigono due team. Poi, per il capriccio di un facoltoso cliente, i due sono costretti a collaborare per curarne gli interessi finanziari, e l'odio represso a fatica, torna subito a galla. Ma quando il gossip ci mette lo zampino, sono guai per Jenny. Ian, infatti, è uno degli scapoli più ambiti di Londra grazie al suo sangue blu e alla sua bellezza sconfinata, e come tale non passa certo inosservato alla stampa. Ed ecco che una serata trascorsa insieme per trovare un accordo di pacifica convivenza lavorativa, si trasforma per i media nella nuova love-story del rampollo inglese. E mentre Jennifer appare da subito offesa per quest'affronto, Ian riesce a vedere il lato positivo e l'opportunità di sfruttare a suo vantaggio la situazione: perché non fingersi fidanzati veramente? Questo certamente scoraggerebbe la pioggia di spasimanti a cui Ian deve tener testa e regalerebbe a Jennifer, in cambio, carta bianca sul lavoro. Idea allettante e Jennifer la coglie subito, convinta. Ma presto, il gioco si complica, e quello che doveva essere un bacio di pura finzione, scatena reazioni impreviste.

Il mio commento: Questo libro entra prepotentemente tra i luxury-romance più amati, e a ragione. Ammetto che ho deciso di leggerlo solo dopo aver gustato la capacità narrativa di Anna Premoli in "Come inciampare nel principe azzurro", quindi avevo aspettative molto alte. E Anna non le ha tradite, affatto. Lo stile è come sempre scorrevole, senza punti morti. I dialoghi sono simpatici e stuzzicanti, raggiungendo lo scopo di rendere il ritmo narrativo rapido e fluido, complice sicuramente anche la narrazione in prima persona. Sarete d'accordo che la tematica amore-odio è molto utilizzata in campo narrativo, eppure, Anna Premoli dirige i personaggi e la storia in modo magistrale da creare un suo stile, unico, riconoscibile tra molti.
L'ho divorato in un paio di giorni, durante le vacanze estive e in versione e-book, per pura praticità... vi dirò che ho letto più volte alcune parti del libro per gustarne nuovamente il crescendo emotivo e le crisi di fronte alle scelte.. e non è tutto: una volta rientrata dalle vacanze, mi sono fiondata in libreria per acquistare anche la versione cartacea. Che dite, mi è piaciuto o no?

VOTO: 5 zampette